Amministrative, mezza Sicilia al voto: urne aperte fino alle 23 in 138 comuni

Mezza Sicilia alle urne. Sono stati aperti regolarmente alle 7 i seggi nei 760 comuni al voto per il rinnovo dei sindaci e dei Consigli comunali. I seggi rimarranno aperti fino alle ore 23, subito dopo comincerà lo spoglio.

Nell’Isola sono coinvolti 138 comuni, 19 le città sopra i 15mila abitanti dove si andrà al ballottaggio il 24 giugno se nessuno dei candidati a sindaco supererà al primo turno quota 40%, come prevede la legge elettorale per gli enti locali.

Cinque i capoluoghi di provincia al voto: Catania, Messina, Ragusa, Siracusa, e Trapani. Un test importante per partiti, movimenti e per le coalizioni di centrodestra e centrosinistra che risultano divise in molti centri.

Alle urne sono chiamati 1.657.147 elettori (692.224 solo nei capoluoghi) che voteranno in 1942 sezioni per eleggere sindaci e un esercito di 1806 consiglieri comunali. Nei cinque capoluoghi i candidati a sindaco sono 31: 5 a Trapani, 7 a Siracusa, 7 a Ragusa, 7 a Messina, 5 a Catania. Si vota anche in 12 circoscrizioni a Messina e Catania.

Si vota anche nel resto d’Italia dove complessivamente sono chiamati a esprimere la loro preferenza quasi 7 milioni di elettori (6 milioni 744.087). Venti i capoluoghi di provincia interessati dalla consultazione elettorale. Sul totale dei comuni al voto si contano 109 comuni “superiori”, cioè con più di 15.000 abitanti e 651 “inferiori”.
I capoluoghi di provincia interessati dalla consultazione elettorale, oltre a quelli siciliani, sono Brescia, Sondrio, Treviso, Vicenza, Imperia, Massa, Pisa, Siena, Ancona, Teramo, Terni, Viterbo, Avellino, Barletta, Brindisi.
Sono interessati dalla consultazione elettorale anche due consigli circoscrizionali, il III e l’VIII Municipio di Roma Capitale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here