Cosmetici rubati in una ditta della zona industriale trovati in una vetrina di un negozio, denunciati due uomini per ricettazione aggravata

Nei giorni scorsi, due soggetti, nella notte, hanno compiuto un grosso furto, d’ingente valore, presso alcune  ditte della quinta strada della zona industriale.

Ad essere presa di mira,  è stata in particolare una ditta che commercializzava prodotti di cosmetica per parrucchieri, alla quale,  sono stati sottratti circa 500 pezzi, per un valore di 3.000 euro circa.

I responsabili della ditta saccheggiata nello sporgere la denuncia, presso il Commissariato Librino, informarono gli Agenti che una delle loro dipendenti, aveva per puro caso, visto, esposti nella vetrina di un negozio del centro cittadino i prodotti della loro linea e tale negozio non risultava essere tra gli esercizi da loro riforniti.

Gli uomini del Commissariato, appreso quanto detto dai responsabili, approfondirono gli accertamenti recandosi personalmente presso il negozio e dopo aver accertato la presenza dei prodotti, chiesero al titolare la dovuta provenienza di tali prodotto.

Il titolare a questo punto affermò che tale merce gli era stata venuta da un uomo che lui in realtà non conosceva, che aveva preso quei prodotti come uno stock proveniente da un fallimento.

Le successive indagini degli agenti, hanno permesso di individuare l’uomo T.A., classe 1978, sorvegliato speciale, già gravato di molti reati penali e la successiva perquisizione avvenuta presso il domicilio  ha permesso di ritrovare gli oggetti riconducibili alla merce rubata.

Per questo motivo sia il titolare del negozio dove è stata trovata la merce rubata, sia il pregiudicato, sono stati deferiti all’A.G., per ricettazione aggravata, mentre la refurtiva, quasi del tutto recuperata è stata sottoposta a sequestro e affidata in giudiziale custodia ai titolari della ditta che ne avevano subito il furto, in attesa che la procura della repubblica ne disponga il dissequestro e la restituzione agli aventi diritto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here