Costretto a pagare il pizzo dal 2009, arrestati due esponenti del clan “Cursoti”

Su delega della procura di Catania, direzione distrettuale antimafia, all’alba di oggi, la Polizia di Stato, ha eseguito un’ordinanza  di misura cautelare, emessa il 19.02.2019 dal G.I.P. del  Tribunale nei confronti di: N.A., classe 1972, pregiudicato e responsabile insieme ad altri soggetti di estorsione con l’aggravante di aver commesso il  reato avvalendosi della condizioni di assoggettamento ed omertà, tipiche dell’organizzazione mafiosa operante sul territorio.

Le indagini, sono state condotte dalla “Squadra Antiracket” ed hanno permesso di accertare che la vittima, un farmacista, dal 2009 era costretto a pagare la somma di  200 euro mensili sotto la minaccia dal Clan Mafioso locale.

Lo scorso 10 gennaio, nel corso delle indagini il personale della Squadra Mobile di Catania ad esito di un servizio di osservazione, ha tratto in arresto P.V., classe 1976 colto in flagranza per il reato di estorsione con l’aggravante dell’articolo 416 bis 1 del Codice Penale, per aver commesso il fatto con le modalità tipiche mafiose, rappresentando alla vittima la necessità di versare la somma mensile nell’interesse del Clan Criminale dominante sul territorio.

Le attività d’Indagine, avevano consentito di  monitorare il costante accesso dell’uomo all’interno della farmacia, di solito, il 10 di ogni mese, e la Squadra Mobile, è riuscita a bloccare il P.V., che è stato trovato in possesso di 200 euro nascosti all’interno di una confezione di farmaci, che effettivamente erano stati  consegnati dal titolare della farmacia pochi minuti prima.

L’arresto dell’uomo è stato convalidato dal Tribunale di Catania, il 12.01.2019 ed è stato applicato nei suoi confronti la misura cautelare della custodia in carcere.

Le indagini sono proseguite, con l’obiettivo di individuare coloro che negli anni  si erano avvicendati nella riscossione della somma e tali indagini, hanno consentito di  individuare N.A., nel ruolo di esattore.

L’uomo era stato tratto in arresto il 28.01.2015 nell’ambito dell’operazione: “Final Blow”, condotte dalla Squadra Mobile in esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Tribunale di Catania nei confronti di 27 persone, responsabile dei reati quali: associazione di tipo mafioso, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti tentato omicidio con l’aggravante dell’articolo 416 bis del Codice Penale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here