Dal 4 maggio più spostamenti, ma non piena libertà, mentre le scuole non riapriranno.

Ai microfoni de La Repubblica, il Premier Conte, ha parlato dell’ormai famosa fase 2. Una fase che tutti gli italiani attendono con ansia, ed ha anticipato alcune misure che dovrebbero essere messe in vigore dal 4 maggio.

Conte assicura  infatti, che dal 4 maggio ci potrà essere più libertà di movimenti, ma non si avrà un “libera tutti”. I dati sono sicuramente confortanti e dimostrano che il nemico invisibile è diminuito ma non è di certo stato confitto, infatti, il rischio maggiore è che la curva dei contagi possa tornare a salire nel momento in cui si dovesse eccedere con le concessioni in maniera non casuale.

Conte afferma che ci saranno quindi maggiori spostamento, ma si dovranno conservare tutte le garanzie di contenimento del contagio.

Per quanto invece riguarda le scuole, sempre il Premier conferma quando era stato espresso giorni fa dal ministro dell’Istruzione Azzolina, cioè, che per quanto riguarda l’apertura bisognerà attendere il mese di settembre con la consapevolezza che i tempi potrebbero essere ancora più lunghi.

Adesso resta quindi da decidere la forma che assumeranno gli Esami di Maturità, con gli studenti che sperano di poter svolgere il loro esame in presenza, ovviamente rispettando sempre le regole per il contenimento del Virus e cambiando quindi la formula standard dell’esame di Stato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here