Delitto Cogne, Annamaria Franzoni è libera e ribadisce: “non sono stata io”

Annamaria Franzoni, la donna incolpata dell’omicidio del figlio del 2002, dopo 17 anni è una donna libera, in quanto il Tribunale di Bologna ha confermato l’espiazione della pena con qualche mese di anticipo: “sono contenta, ma vorrei far capire alle persone che non sono stata io”, afferma la Franzoni.

Il caso del delitto di Cogne, dopo quasi 20 anni sembra aver trovato la fine.

Era il 30 gennaio 2002, quando il piccolo Samuele  è stato trovato morto, e subito la madre del piccola ha avuto una pena di 16 anni, poi ridotta ad 11 anni, fino alla detenzione domiciliare arrivata nel Giugno 2014, ma ora, Annamaria è una donna libera e può tornare a vivere la sua vita, anche se ancora, dopo 20 anni le vicende legate alla morte del piccolo Samuele sono avvolte nel mistero.

La donna infatti non ha mai confessato l’omicidio, ma per gli inquirenti è stata proprio le ad uccidere il figlio, ed ora Samuele rischia di non avere più giustizia.

Ora la donna è pronta ad affrontare un periodo di riabilitazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here