Festival di Cinema Breve via dei Corti; la kermesse si tinge di rosa tra cortometraggi, ospiti di rilevanza nazionale e momenti di riflessione.

0
12

Manca poco al via della quarta edizione di “Via dei Corti – Festival Indipendente di Cinema Breve, che avrà luogo a Gravina di Catania da domani, giovedì 29 novembre a domenica 2 dicembre 2018, presso l’Auditorium  Angelo Musco, nella Sala delle Arti – Parco Borsellino e all’interno dell’area eventi del parco Commerciale Katanè.

La kermesse  organizzata dalle associazioni Gravina Arte e No_Name, con il patrocinio del Comune di di Gravina di Catania, sarà ricca di incontri con registi, attori e scrittori,  inoltre, tra gli incontri Campus  con studenti universitari e liceali, particolarmente importante, sarà il momento  di una riflessione, insieme a Vera  Squatrito e Giovanna Zizzo madri di due giovani ragazze  brutalmente uccise  per mano di chi avrebbe dovuto  amarle e proteggerle, il tema di quest’anno è infatti, “W le donne” attraverso la quale si vuole dare rilevanza  alle figure femminili, che sono le vere protagoniste del festival.

A prendere parola, ed entusiasta di tutto il lavoro è il direttore artistico Cirino Cristaldi “La quarta edizione è un pò quella della svolta,  in cui ci si rende conto di quanto sia cresciuto questo progetto.  Via dei Corti è organizzato grazie  al grande sostegno del  Sindaco di Gravina  Massimiliano  Giammusso e di tutta l’Amministrazione Comunale e rappresenta la voglia  di uno staff giovanissimo di fare cinema e cultura  con un occhio alle realtà locali  ed uno vasto panorama  cinematografico nazionale ed internazionale. Un panorama quello del cinema  indipendente, spesso sommerso – conclude Cristaldi – che trova spazio  grazie ad eventi come questo”.

Tra gli ospiti, che animeranno questa quarta edizione, sono previsti, solo per citarne alcuni:  Mario Incudine, Barbara Tabita, Uccio De Santis, Massimiliano Russo, Tony Sperandeo, Barbara Bacci, Barbara Bellomo, Carmelo Caccamo e tanti altri ancora.

Confermati i premi speciali da assegnare ad alcuni personaggi  che si sono distinti  nel corso della loro carriera tra questi premi abbiamo: Premio al Talento Siciliano, Premio una Vita per il Cinema, Premio WoW in Sicily, Premio per la Valorizzazione del Territorio, Premio alla Miglior Commedia Indipendente, Miglior alla Miglior Opera Prima.

Grandissima novità di questa IV edizione,  è quella di ideare  una retrospettiva denominata: “Il cinema al Femminile” con la giuria del concorso Internazionale composta da donne; le attrici Liliana Fiorelli, Adriana Tuzzeo, Tiziana Giletto, la regista Ines Manca ed il presidente  Taobuk, Antonella Ferrara.

La testimonianza della crescita di Via dei Corti,  viene dall’impressionante numero di opere giunte in redazione nel 2018 nonché la quantità di personaggi coinvolti  appartenenti al mondo del cinema.

Si avranno inoltre cinque concorsi dedicati alle opere provenienti da tutto il mondo, partendo  dalle ormai tradizionali:  Film in Sicily, Sezione animazione,  Sezione corti internazionali e Sezioni Corti scolastici, a cui, da quest’anno si aggiunge quella dei documentari, la cui giuria è composta da  personaggi del mondo del cinema: Il direttore del Festival  Lenola Ermete  Labbadia, i registi: Alessandro Marinaro, Giuseppe Sciacca e Davide Vigore , i presentatori: Ruggero Sardo e Alessio Sciacca ed il fotografo Emanuele Carpenzano.

I finalisti del concorso della nuova sezione documentari,  prevede un quintetto d’eccezione,  La finestra sul porcile di Salvo Munzone, Migrant di Lawrence Ferrara, Lo sguardo dell’innocenza di Elena Matacena, La prima figlia, di Vladimir Di Prima, The man with my name di Simon O’ Neill.

Ad aggiudicarsi di pari merito l’ambito  Premio Film in Sicily, al miglior film siciliano Transfert di Massimiliano Russo e Malarazza – una storia di periferia  di Giovanni Virgilio. Il premio alla Miglior Opera prima va a Cristiano Anania  per il suo L’eroe,  mentre è Riccardo Camilli con Peggio per me che vince il premio Alla miglior commedia Indipendente. Mentre, per le altre sezioni,  i giochi ancora restano aperti, con le giurie all’opera ed una lotta serratissima per la conquista dei premi in palio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here