Illegal Duty: decapitati i vertici del clan Scalisi – il Video

36 arresti di soggetti legati alla cosca Santangelo, diramazione dei Santapaola, e ai Laudani di Catania

0

Un boss “tradito” da una lettera dai chiari contenuti mafiosi, parole ed episodi che potrebbero essere tratti dal film “Il padrino”, hanno portato ancora una volta a svelare le complicate sinergie mafiose presenti in Sicilia attraverso una delicata operazione diretta dalla Dia di Catania, direzione investigativa antimafia – in collaborazione con la Squadra Mobile della città Etnea e del Commissariato di Adrano.

In tutto 36 gli arresti, con cognomi che riportano direttamente alla cosca Scalisi, legata ai Santangelo ed ai Santapaola oltre che ai Laudani di Catania.

L’operazione, denominata Illegal Duty proprio per il particolare ambiente di indagine, ovvero il mercato ortofrutticolo di Adrano, è partita da un intenso lavoro, iniziato già nel 2014, che si è avvalso dei collaboratori di giustizia e del monitoraggio dei rapporti tuttora esistenti tra pregiudicati in carcere e affiliati ancora a piede libero.

Rapporti che clamorosamente vengono a galla in seguito ad intercettazioni di colloqui, in particolare la lettura di una lettera inviata proprio dal carcere, di cui riportiamo il video diffuso dalle forze dell’ordine, oltre ai volti ed ai nomi degli arrestati.

Infatti il nome eccellente di questa serie di arresti risulta essere quello di Scarvaglieri Giuseppe, meglio noto come “Pippu ‘u zoppu“, già detenuto e ritenuto essere il boss del clan Scalisi di Adrano.
L’attenzione degli investigatori si è concentrata sullo strano traffico rilevato al mercato ortofrutticolo di Adrano, i cui commercianti erano sottoposti a vere e proprie vessazioni, richieste di pizzo e intimidazioni sfociate anche nell’incendio di mezzi con seguenti rivendicazioni e minacce.

Tra i reati contestati a vario titolo troviamo associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione armata, traffico di sostanze stupefacenti nonché detenzione e spaccio, tentato omicidio, estorsioni, rapina, furto, ricettazione, incendi dolosi e danneggiamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here