Politiche familiari come punto di partenza

0

Oggi all’ex palazzo ESA di Catania è avvenuta la conferenza stampa di presentazione del “Festival Siciliano della Famiglia” organizzato dal Forum delle Associazioni Familiari della Sicilia. Tra i temi dell’incontro: le politiche familiari, le difficoltà che la donna riscontra in ambito lavorativo, e la richiesta di nuove iniziative in aiuto della famiglia.

La conferenza stampa di presentazione per la sesta edizione del “Festival Siciliano della Famiglia” ha riunito diverse associazioni familiari e politiche. Il Forum che coordina l’evento nasce nel 1992 con l’intento di attenzionare il dibattito culturale e politico sulla famiglia come soggetto sociale. Attualmente il Forum è composto da 47 associazioni e 18 Forum regionali per un totale di 564 associazioni. I dati riportano un coinvolgimento di quattro milioni di famiglie circa.

A prender parola per primo è il Presidente Forum delle Associazioni Familiari della Sicilia dott. Dario Micalizio; nella sua presentazione ha esposto i punti chiave del progetto della sua associazione. Il presidente si è ampliamente soffermato sulla necessità di sostenere e creare politiche familiari a 360°, esenti da qualunque ideologia, una famiglia senza alcun colore politico. In particolar modo si è evidenziato il ruolo delle donne spesso e purtroppo costrette a decidere tra compiti di mamma e lavoratrice.

A presenziare per il Comune di Catania è Caterina Caltagirone, che sostituendo la mancata presenza del sindaco Enzo Bianco, ha terminato il suo breve ma conciso intervento auspicando la divulgazione di queste politiche e delle giuste risorse morali.

Altra interessante presentazione è stata fatta dal dott. Raoul Russo, che ha sostituito l‘assessore regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo Sandro Pappalardo, per il quale la famiglia è e deve continuare ad essere motivo di sviluppo nazionale. Il dott. Russo richiede un intervento intelligente per creare un turismo a misura di famiglia, prendendo come esempio l’entrata al Museo, di come debba essere un piacere e non un peso per le famiglie numerose.

A terminare l’incontro è stata la presenza silenziosa di tre candidati politici al ruolo di sindaco di Catania. Ai nostri microfoni sono intervenuti il dott. Micalizio e il Dirigente Generale dell’agenzia per la Famiglia della provincia autonoma di Trento il dott. Luciano Malfer.

Il presidente Forum dell’Associazioni familiari della Sicilia ha dichiarato: «La famiglia è il perno centrale della nostra società nel momento di crisi economica del Paese, anche in momenti in cui si sono fatte delle leggi che sono andate contro la famiglia la natalità è aumentata. Perché le famiglie sono piccole società e sono i reali ammortizzatori della stessa. Se un individuo non ha lavoro o affronta spese ospedaliere è la famiglia che lo sostiene. In questo momento quello che sta avvenendo è una distruzione della famiglia dal punto di vista economico, in quanto non ha più nessun aiuto. Oggi una donna che decide di avere un figlio sa benissimo di essere discriminata sul posto di lavoro. Tutto ciò sta diminuendo la natalità che colpisce il welfare. Saremo il terzo paese al mondo per vecchiaia. Dobbiamo permettere di fare figli prima dei 35 anni e non attraverso la banca del seme. Il sistema fiscale non funziona. La famiglia è una risorsa per il Paese, non un peso. Noi vogliamo portare progetti già attuati in Trentino come la co-manager. Un assegno di 20.000 euro che può assumere un’altra donna per aiutarla».

Altro commento giornaliero è del dott. Malfer: « Col Forum di Catania durante il Festival di Trento. Da questo contatto è nata l’opportunità di dar voce a questa iniziativa. Puntiamo a politiche rivolte ai figli, per aiutare le famiglie a fare figli ed evitare l’attuale declino demografico. Togliere le famiglie dallo stato di disagio. Noi abbiamo sviluppato una certificazione aziendale famigliare che vale per le industrie, nostro partner Confindunstria. L’azienda che introduce flessibilità aziendale, andando a creare spazi in cui dove i dipendenti possono giostrarsi gli orari di lavoro, che restituisce all’azienda aumenti di profitto. La successione logica è che la flessibilità porta alla produttività che a sua volta conduce all’aumento della natalità. È una strategia di management aziendale».

La conferenza stampa di presentazione delinea chiaramente i temi che verranno affrontati nel Festival Siciliano della Famiglia dal 28 giugno sino al 1 luglio. L’auspicio generale è che il festival possa incentivare verso una più proficua collaborazione sulle politiche familiari.

Giovanna Rosato – Marco D’Urso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here