Rapinatore seriale, autore di 3 furti in poche ore, rintracciato e arrestato

La Polizia di Stato, ha tratto in arresto Pavone Filippo Salvatore, classe 1977,  in quanto responsabile di tentata rapina.

Alle 22.45 (circa) del 25 luglio la Sala Operativa della Questura comunicò in una nota rado un tentato scippo ai danni di due giovani turiste arrivate in città da poco che si trovavano precisamente lungo la via Naumachia.

In pochi minuti, il personale della squadra mobile, della sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” giunse sul luogo del fatto in modo da acquisire dalle vittime informazioni utili  all’identificazione dell’autore del reato e dal racconto delle due donne si apprese che era stato un uomo  a bordo di un’utilitaria di colore azzurro, inoltre, si apprese che durante la fase di aggressione l’uomo minacciò di morte le due giovani vittime ma, a seguito delle urla delle donne, l’uomo fuggì facendo cosi perdere le proprie tracce e nelle stesso momento, venne eseguito anche un altro scippo  di una coppia sempre di turisti che si trovavano nella zona di  Via Androne.

LA donna riferì al personale che mentre era intenta a scaricare i bagagli dell’autovettura vide giungere un’autovettura, sempre utilitaria, di colore azzurro al bordo del quale, un individuo le strappò con forza la borsa facendo cosi cadere per terra.

La descrizione fornita dalla donna corrispondevano a quelle delle due giovani di qualche minuto prima che avvenne in Via Naumachia.

Gli agenti della squadra Mobile, dopo un attento sopralluogo e dopo uno screening della zone individuarono un impianto di sorveglianza dalle cui immagini, emerse che l’autore del reato aveva agito a bordo di una Kia Picanto, di colore azzurro privo di targa anteriore.

Alle ore 23.30 circa, la sala operativa, comunicò alle pattuglie di zona che pochi minuti prima, presso gli uffici della Questura una donna stava sporgendo denuncia di rapina, dichiarando che, mentre rientrava nella propria abitazione ubicata nella zona del centro storico era stata avvicinata da un individuo che dopo averla strattonata  e scaraventata per terra si impossessò della borsa e si era cosi dato alla fuga a bordo, di una Kia Picanto di colore azzurro.

Grazie alle rete di equipaggi dislocati sul territorio venne intercettata la vettura, con alla guida l’uomo che corrispondeva alle descrizioni segnalate, all’interno del veicolo, fu trovato un telefono cellulare appartenente ad una delle vittime,  e vennero recuperati anche il resto della refurtiva che venne restituita alle vittime.

Dopo le formalità di Rito, Pavone Filippo venne associale presso la Casa Circondariale di Catania – Piazza Lanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here