Spettacolo “La linea della vita”: quando il teatro è riflettere

La linea della vita è uno spettacolo che prende vita da una coraggiosa sfida che la Scuola Atmanlab di Recitazione e Actor Counselor Olistico, diretta da Gabriella Saitta, ha voluto lanciare al registra Riccardo Manaò.

Un vero laboratorio teatrale, dalla durata di 4 mesi, con lo scopo di  creare uno spettacolo, un vero viaggio nell’arte scenica..

L’evento si svolgerà il 19 e 20 gennaio, presso il Teatro Grotta Smeraldo, con un doppio spettacolo: 17.00 e 20.45.

I temi dello spettacolo, si ispirano  al nostro vivere quotidiano, con i tanti problemi che ogni giorno di affliggono,  nonché argomenti toccanti, come; l’aborto, il bullismo, la violenza sessuale, l’insidia del web, ecc.

“Ringrazio quelli che con grandissimo coraggio sono partiti -afferma Gabriella Saitta- ed hanno navigato con noi, chi ci ha supportato credendo nei valori della nostra scuola, chi ci ha sostenuto fidandosi a scatola chiusa, perché è grazie all’energia di tutti che oggi possiamo dire che la nostra nave è arrivata in porto”.

“I personaggi del nostro spettacolo -dichiara il regista Manaò- hanno in comune tra loro l’essere dei funamboli, sulla linea delle loro vite, bloccati dalle paure del vuoto sottostante che li paralizza nell’incertezza, e un nuovo slancio in avanti che potrebbe salvarli dalla caduta”.

Durante l’evento inoltre, si avrà la presentazione dell’Associazione Giovanile che insieme ad Asa Onlus propone momenti di confronto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here